Le cipolle, la Litizzetto e Sophie Calle: quando una lettera d’addio diventa arte

Photo By Fabio

Vi chiederete senz’altro che cavolo c’entra una mostra con la cucina. « Nulla » potrei rispondervi subito. Eppure non è vero : anche questa è arte. Esattamente come la cucina.

Sophie Calle, conosciuta nel mondo dell’arte contemporanea da più di vent’anni,  ha fatto un lavoro eccezionale : trasformare un addio in un’opera d’arte.

Un uomo invia una mail d’addio ad una donna. Lei la farà interpretare da attrici (splendida e commovente Jeanne Moreau), ad una ballerina di Tango, ad uno psichiatra, ad un’ umorista (simpaticissima la Litizzetto), ad una cantante… 107 persone diverse. http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=14242

 Già presente alla biennale di Venezia nel 2007, la mostra è stata allestita a parigi nella Bibliotheque  Nationale de France. Per maggiori approfondimenti:

http://www.repubblica.it/2007/11/sezioni/spettacoli_e_cultura/lettera-opera/lettera-opera/lettera-opera.html

Sophie Calle

Dal 26 marzo all’8 giugno 2008
BNF
Site Richelieu – Salle Labrouste
58 rue de Richelieu
75002 Paris

 

 

 

 

Annunci
Pubblicato su Mostre. Tag: , , . 4 Comments »

4 Risposte to “Le cipolle, la Litizzetto e Sophie Calle: quando una lettera d’addio diventa arte”

  1. annamaria Says:

    Noi donne, sempre ad analizzare tutto. Inutilmente. Come direbbe Gramellini? “Se un uomo ti scrive una mail d’addio può esserci solo un motivo: ti ha lasciata.” Tuttavia….

  2. Lucia Says:

    … tuttavia, triturare non solo in senso proprio come fa la litizzetto nel video, ma analizzare, interpretare, disfare-rifare, serve comunque a elaboirare il tutto.

  3. Anonimo Says:

    C”è anche un amico,perchè la lateralità è ancorara più individuante,come fa magistralmente Maurizio Cattelan,come di chi dice: ho un amico che ha questo problema.Ecco ,appunto.E questo amico,su una delle due rive di un fiume( non ho mai capito se si tratta di eros) lungo,molto lungo,usa la tovaglietta da pic-nic di Lacan.Lachampagne.Condisce l’isalata e gli iziki con aceto balsamico e si accorge leggendo Dilan Dog che suo padre faceva la stessa cosa.Con l’aceto.Come papà severo Lacan-Cattelan.E si sostituisce subitosubito.Sono Io adesso che amo Sophie.Innamoramento.In amore mento.

  4. Lucia Says:

    @Anonimo: non so se sia a causa del we trascorso che per me è stato particolarmente rilassante oppure di una congenita lentezza “del neurone”, ma ho capito quasi nulla di quanto hai scritto. puoi riformulare, por favor?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: