Mini-croissant basilico, acciughe, mozzarella e olive taggiasche


Photo by Seoulman13

Una considerazione mi è venuta spontanea, assaggiando questi mini-croissant dai sapori decisamente italici: “there’s nothing like home”.
Insomma: la cucina francese è per certi versi favolosa e la mia lunga permanenza qui a Parigi mi ha aperto orizzonti culinari ( e non solo) insospettabili. E’ vero anche che nel tempo ho imparato ad apprezzare piatti che prima guardavo distrattamente: la scaloppa di foie gras, alcune spezie, le favolose terrine, così diverse dalle nostre italiane e molto altro…Per non parlare dell’influenza di alcune cucine “etniche” su quella francese che l’hanno naturalmente arricchita e resa più complessa. Queste conoscenze rappresentano per me una ricchezza inestimabile, indipendentemente dal mio lavoro. Perché qui non si tratta “solo” di cibo: aprirsi a cucine diverse da quella che ci ha cresciuti, è anche andare incontro ad un popolo, i suoi usi e costumi. La cucina, infatti, ci parla come poco altro di una nazione…
Ma veniamo alla considerazione iniziale (ché sto divagando). Dicevo: “there’s nothing like home”, ovvero nulla è comparabile al sentirsi a casa, a ritrovare le proprie radici.
Dopo un periodo di arrosti di petto d’anatra e foie gras, sushi e quant’altro, l’assaporare questi semplici mini-croissant è stato come tuffarsi nuovamente nel mare straordinariamente vasto e profumato del patrimonio culinario italiano, fatto di sapori decisi ed essenziali: l’acciuga, la mozzarella, le olive taggische, i pomodorini secchi ed il basilico. Al primo boccone sono stata investita da una specie di  “ventata italica”, con i suoi profumi veri ed unici.
Sì, non c’è dubbio: spesso è necessario “andarsene” per ritrovarsi meglio…

Mini-croissant basilico, acciughe, mozzarella e olive taggiasche

Dose per 12 mini croissant:

1 disco  di pasta sfoglia da 230 g

10 olive taggiasche denocciolate

1 piccola mozzarella di bufala

2 pomodorini secchi sott’olio o confit

2 acciughe sott’olio

Qualche fogliolina di basilico


Riducete a pezzettini minuscoli le olive, le acciughe i pomodorini e la mozzarella.
Tritate il basilico ed unitelo alla preparazione. Mescolate.
Scaldate il forno a 200°C.
Disponete il disco di sfoglia sulla spianatoia e dividetelo in 12 spicchi. Distribuite  la farcia, arrotolateli e formate i mini croissant. Accomodateli su una placca coperta con carta da forno e infornate a 200°C per 15′ circa. Servite i croissant appena sfornati.

NB Questi mini croissant potete gustarli all’aperitivo con un Berlucchi Franciacorta Brut

Annunci

16 Risposte to “Mini-croissant basilico, acciughe, mozzarella e olive taggiasche”

  1. Carola Says:

    Che delizia !!Proverò sicuramente questi mini-croissant con le olive taggiasche , penso che il confit sovrasti meno i sapori del pomodorino secco, che dici Lucia ?

  2. Lucia Says:

    @Carola: in teoria un buon pomodorino secco conferisce alla ricetta quel pizzico di piccantino che sconfiffera assai 🙂
    Diversamente, per un “tutt’unico delicato” meglio il confit.
    Grazie di avermi dato l’opportunità di questa interessante precisazione!
    A presto 🙂

  3. alem Says:

    che buoni!!!!
    Io proverò la cucina francese questo week end, invece, e non vedo l’ora!

  4. Lucia Says:

    @alem: uh poi mi dirai! 🙂

  5. Donatella Says:

    Ho avuto modo di conoscere poco la cucina Francese solo poco,ma credo che i dessert Francesi siano ottimi,d’altronde la cucina Italiana non ci fa mancare niente,come queste piccole delizie create da te con degli ottimi abbinamenti.

  6. Lucia Says:

    @Donatella: la pasticceria francese in generale è senza dubbio superiore alla nostra.
    ps la cucina francese ha anche lei grandissimi piatti!

  7. FrancescaV Says:

    carissima, come non essere d’accordo con te! Io poi non ho mai amato tutti questi burri, panne, zuccheri, numeri spropositati di uova e miscugli vari tutti francesi. Questi minicornetti salati ai sapori italiani mi fanno quasi commuovere, bravissima!

  8. Lucia Says:

    @Francesca: indubbiamente troppo burro, ovunque. E troppa panna, ovunque.
    I micro cornetti sono come una specie di dieta, in confronto 😀

  9. Marilì di GustoShop Says:

    Ma quanto mi tentano…saporiti, stuzzicanti e poi con le bollicine in accompagnamento…
    Se passi da me, Lucia, trovi avviata la campagna BLOG, a proposito di sapori italici… Ciao !

  10. salsadisapa Says:

    le tue ultime realizzazioni sono dei piccoli capolavori! questi cornetti in particolare sembrano anche a me un petit-morceau d’italie 🙂

  11. lucia Says:

    @marili: mi precipito a vedere…
    @salsa: si si sono proprio un “petit morceau d’Italie!”. :-)Grazie salsa!

  12. Marilla Says:

    non sono d’accordo sulla pasticceria francese superiore alla nostra..saranno pure bravi i pasticcieri d’oltralpe ,ma dai a parte la crema al burro declinata in mille versioni,la mousse e la crema chantilly che altro fanno?nei nostri monasteri le monache hanno creato capolavori di gusto e non solo d’estetica.
    avete mai assaggiato i sospiri che fanno in costiera amalfitana ,sono come nuvole al profumo di limone e che limone !..per non parlare di tutto il resto che si trova tra penisola e isole ..no no nessuno e’ superiore ai Maestri Italiani per bonta’ e varieta’! desole’ sono di parte questa volta

  13. Marilla Says:

    un’altra cosa io ho vissuto a Parigi ,trovo i croissant francesi insulsi ,unti e senza gusto.semplice pasta sfoglia arrotolata . se vi trovate a passare da Genova o Milano, fate una fermata da Panarello ..i migliori cornetti mai mangiati ,oltre alle ‘panarelline’ ,mini tortine di pasta paradiso ,ripiene di crema al marsala!evvai .. e i cestini di frolla e riso al latte di Cucchi?si sciolgono in bocca !!!

    e il panettun che i francesi hanno saputo creare qualcosa di simile ??

    Luci’ so polemica..toccatemi tutto ma non il ‘bel paese’!;)) ciao

  14. Lucia Says:

    @Marilla: beh inzomma, assaggiati i croissant di Hermé?
    Essu diamo al cesare quel che è di cesare, Marilla.
    Anzi facciamo qualcosa di meglio: quando fai un salto in quel di parigi, ti faccio fare io un giretto e poi mi dirai…

  15. Lucia Says:

    @Marilla: che hanno fatto oltre alla chantilly? Sfogliate da urlo ( e questo senza andare dal pasticcere di grido di turno), brisé ultra golose, ganache voluttuose…
    Sei mai andata da Mulot o da Hermé? Io ti dico che mai e poi mai ho assaggiato una pasticceria cosi raffinata, complessa, studiata e sublime come quella dei grandi (ma non solo!) pasticceri francesi.
    🙂
    ps rinnvo l’invito a farti un giretto où il faut da queste parti…

  16. tremblesidon Says:

    Всем привет! Предлагаю Создание сайтов от 2000 руб. Огромные скидки до 3 августа.
    Команда профессиональных веб программистов всегда рада помочь Вам в создании сайтов. Опыт – более 250 сайтов различной сложности.
    Мы делаем одностраничные сайты, сайты-визитки, интернет магазины, блоги, форумы, каталоги и многое другое.
    Пишите на gridrain@mail.ru


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: