Una pasticceria a Parigi: Dalloyau


Photo by Lucia Pantaleoni

La confezione: una scatola liscia marrone, attraversata verticamente da un morbidissimo nastro rosso sapientemete intrecciato.
E’ necessario un lasso di tempo che definirei perfetto  per aprire una scatola di cioccolatini di Dalloyau: nè troppo, per non spazientire il goloso che è nascosto in ognuno di noi; nè troppo poco,  per avere il tempo di apprezzare il sapiente gioco di intrecci del nastro sull’elegante scatola ed imbattersi sulla carta di seta che ricopre i cioccolatini allineati come tanti soldatini…


Foto dal sito Dalloyau.com

Come se fosse necessario contenere, contrastare l’esplosione di aromi e profumi degli stessi ed il “disordine interiore”, le molteplici e svariate emozioni che essi provocano in chi li assaggia. In parte, ripiegato  con ordine un “bugiardino” che descrive le varie tipologie, corredato di foto: “Cuore d’agrumi”, “Pralinato al pistacchio”, “Mogador”, “Earl Grey”… tanti nomi che descrivono ripieni alle spezie, ganache a base di tè, oppure di maracuja detto anche frutto della passione, o di cedro e pasta di mandorle…

Vi avevo già parlato tempo addietro di questa deliziosa pasticceria ma non avevo mai avuto modo di assaggiare i suoi cioccolatini. Qualcuno ha pensato di regalarmeli e devo dire che ha avuto una grande idea perché non immaginavo che la maison Dalloyou fosse di tale livello anche in questo. Se capitate da queste parti, rinnovo l’invito che già vi feci: andate per un brunch, una colazione oppure all’ora del tè.

Annunci

6 Risposte to “Una pasticceria a Parigi: Dalloyau”

  1. Elisa Says:

    Così mi viene ancora di più voglia di tornare a Parigi!

  2. Lucia Says:

    @Elisa: ossignur e come si fa ora? 😀

  3. Kurtz Says:

    >> Se capitate da queste parti, rinnovo l’invito che già vi feci: andate per un brunch, una colazione oppure all’ora del tè.

    Oppure per il dolce al limone, la loro tartelette au citron: è buonissima e leggera.

    Io vado sempre da Dalloyau in zona Bastille per comodità e non sono mai rimasto deluso dalla tartelette.

  4. Lucia Says:

    @Kurtz: uhhh quel tipo di dolce è tra i miei preferiti. Provero’ senz’altro quella di Da. grazie herr 😀

  5. Kurtz Says:

    Anche io ho un debole per la tartelette al limone. Mi dai qualche indirizzo su dove è possibile mangiarne di buone, oltre D., se ti viene in mente?

  6. Lucia Says:

    @Kurtz: ahimè qui a parigi non ho avuto occasione di mangiare questo dolce se non da amiche. Ma se mi capita di scoprire una pasticceria te la segnalo 😀


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: