Salsicce in umido con la grappa


Photo by Lucia Pantaleoni

Non so lì da voi, anzi da noi, insomma in Italia, ma qui fa un freddo arcicane. E se fa freddo anche in Italia sappiate che qui è molto, molto peggio. Sempre.
Ecco allora che spontanea, mi è venuta in mente questa ricetta che,  se non ha il merito di essere la scoperta del’acqua calda, perlomeno scalda come questa ed è certamente più gustosa. Certo, non è indicata per una doccia anche se, a pensarci bene,  vista la bontà…
E poi c’è la scusa che d’inverno abbiamo bisogno tutti, indistintamente, di un maggior numero di calorie. Anche se poi in primavera/estate è chiaramente visibile chi di quelle calorie aveva veramente bisogno e chi…no!
Comunque, mentre stavo comperando gli ingredienti necessari per la sua esecuzione,  mi sono detta che, essendo questo l’esatto opposto di un “ piatto eccentrico in formato otturazione dentaria” dovrebbe incontrare il gusto di molti :-D…Non avendo in casa del vino rosso, per sfumare la carne ho aggiunto della grappa e devo dire che il risultato è stato soddisfacente. Altra cosa (fondamentale): questi, a mio avviso, sono piatti che vanno cotti per ore a fuoco lentissimo, anzi no, lenterrimo.
Se gustati il giorno dopo, poi, (sempre che riesca a resistere alle svariate incursioni nottetempo di chi abita sotto il vostro tetto) e scaldati a fuoco altrettanto lento, sono forse anche migliori.

Salsicce in umido con la grappa

600 g di salsicce

1 carota

1 spicchio d’aglio

1 scatola di polpa di pomodoro Mutti

1 cipolla

1 chiodo di garofano

2 foglie di alloro

2 dita (in senso orizzontale!) di grappa

3 cucchiaiate di olio extravergine di oliva

Pepe

Sale


Fate parzialmente sgrassare le salsicce (Essì c’è un limite a tutto, signori miei!) ponendole in una padella antiaderente dopo averle sforacchiate con una forchetta.
Fate soffriggere dolcemente in una capace pentola (megliose di rame) l’olio  con la carota, l’aglio, la cipolla tritati.
Aggiungete le salsicce, lasciatele insaporire, poi sfumate con la grappa. Incorporate la polpa di pomodoro, due dita circa (ancora!) di acqua calda, l’alloro,  il chiodo di garofano, un pizzico di sale, quindi incoperchiate  a fuoco minimo per 3 ore circa. Quando il sugo sarà consumato (ma non terminato a causa dei vostri frequenti assaggi🙂, spegnete.
Vanno servite caldissime.

PS Inutile che vi dica che la sua morte per questa ricetta è una fumante polenta. Per l’accompagnamento essendomi io astenuta da questo ennesimo eccesso, potrei consigliarvi solo a naso: penserei ad un cabernet. Che i sommelier ed enologhi on line non mi fustighino per carità😀

2 Risposte to “Salsicce in umido con la grappa”

  1. annamaria Says:

    Ed è con questo meraviglioso e tradizionale accostamento che ho festeggiato l’Epifania, ma senza neanche un goccio di cabernet…ahimè!.

  2. Lucia Says:

    @anamaria ecco: questo possiamo batezzarlo “il menù della befana” allora🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: