Onore ai bucatini della marca Setaro

Photo by Lucia Pantaleoni

Come raccontarvi il mio incontro con il bucatino Setaro mantenendo il senno…? E’ accaduto l’altra sera, con un’amatriciana, quella di Aldo Fabrizi… Non che fossi novizia a questa marca : anni fa, infatti, curiosando nel reparto dei prodotti italiani dei grandi magazzini Lafayette (Lafayette Gourmet, per la precisione) ero stata prima attratta da una confezione di bavette di questa marca: lucide, grossettine, tentanti e trafilate al bronzo; poi fulminata sulla via di Damasco (e di questa fulminazione conservo ancora qualche traccia, come potete constatare), le avevo accomodate con un sugo alle vongole che aderiva molto bene alla pasta: bello spessore, toste al punto giusto…


P
hoto by Lucia Pantaleoni

Il tempo era passato e non avevo sperimentato altri formati. “Toh abbiamo i bucatini della Setaro!” , esclamo l’altra sera mentre prendo il bel pacchetto bianco e blu dalla dispensa-kaos-primigenio della mia cucina.
Ah che sodalizio, ragazzi miei, che sodalizio! Personalmente non sono un’amante del bucatino, in genere: lo trovo troppo ingombrante e scivoloso. In questi di Setaro, invece,  la salsa si “avvinghiava come l’edera” e la sua giusta corposità, la sua tosta morbidezza si alternava a meraviglia con il croccante del guanciale. (Come sempre, il gusto, a parer mio,  è anche un fatto di texture ovvero di consistenze diverse. Maestri in questo, sono i pasticceri francesi che all’interno di uno stesso dolce riescono ad alternare una mousse aerea a un croccatino  tanto sottile quanto inatteso – e forse anche per questo- ancor più piacevole.)
Credo che gli mmh! che sono volati nel corso della nostra degustazione siano giunti, con il profumo della salsa, fino alle orecchie dei nostri invidiosissimi vicini e forse anche fino a quelle del Sig. Setaro 🙂
Setaro è uno degli  ultimi pastifici artigianali esistenti in italia. La semola di grandio duro viene mescolata con acqua, e fatta essicare non in forni industriali ma in stanze aerate. Sulla confezione, non c’è un tempo di cottura, che a parità di formato varia di pacchetto in pacchetto.

Dopo quest’ultima considerazione tecnica vi lascio con al ricetta di Aldo Fabrizi…

“La matriciana mia” di Aldo Fabrizi

Soffriggete in padella staggionata,
cipolla, ojo, zenzero infocato,
mezz’etto de guanciale affumicato
e mezzo de pancetta arotolata.

Ar punto che ’sta robba è rosolata,
schizzatela d’aceto profumato
e a fiamma viva, quanno è svaporato,
mettete la conserva concentrata.

Appresso er dado che jè dà sapore,
li pommidori freschi San Marzano,
co’ un ciuffo de basilico pe’ odore.

E ammalappena er sugo fa l’occhietti,

assieme a pecorino e parmigiano,
conditece de prescia li spaghetti.

Annunci

18 Risposte to “Onore ai bucatini della marca Setaro”

  1. Auramaga Says:

    Ecco che cosa era quel profumo che sentivo!!!!

  2. Lucia Says:

    @Aurimaga: ahahahaha Fino a Li?! Beh, a ben pensarci se sono arrivati fino al sig setaro che sta a quasi 2000 km da qui… 😀

  3. alem Says:

    conosco molto bene questa marca di pasta! E’ buonissima, secondo me la migliore in assoluto!

  4. Lucia Says:

    @alem: anche la Cocco non è affatto male, ancorché io non abbia mai provato il su bucatino….

  5. Isabel Says:

    Lucia, mi hanno rergalato una confezione di pasta candela. sono sicura chye hai ben presente qual’è.
    Come la cucino? hai qualche ricetta da suggeririmi, perchè su internet non ho trovato granchè…
    Puoi mandarmi le ricetet via e-mail.
    ciao e grazie
    Isabel

  6. Lucia Says:

    @isabel: credo tu intenda le zite, vero? Se è cosi guarda la tua mai 😉

  7. Lucia Says:

    @carola: eh si!! 🙂

  8. Isabel Says:

    No non sono ziti o zite, ma sono pennoni lunghissimi chiamati appunto candele.
    Chi me le ha regalate dice che le ha mangiate ripiene di ricotta e con un sugo di pesce.
    Non so…

  9. Lucia Says:

    @isabel, mi spiace non li conosco… 😦

  10. ....... Says:

    Ma qui si parla di Setaro..mio vicino di casa…!
    Io sono di Pompei, il pastificio è a Torre Annunziata…ed ho il privilegio di poter andare spesso direttamente in azienda a prendere pacchi di pasta (e risparmiando anche qualcosina).
    Anche se potrebbe essere venduto ,almeno nella mia zona, anche nei comuni market..per Setaro non è così..qui si trova in gastronomie d’élite, e non è un prodotto capito da tutti!
    Ti ringrazio per lo spazio che gli hai dato, i buoni prodotti italiani, rimangono in vita grazie a noi che riusciamo a capirne il valore.
    Sempre in tema di pasta, oltre l’antica tradizione di Setaro, ti consiglio di provare anche la pasta di Gragnano, un altro paese sempre in provincia di Napoli che mantiene, insieme a Torre Annunziata, una secolare tradizione di maestri pastai!
    Un saluto caloroso
    Urania

  11. Lucia Says:

    @Urania, conosco anche la pasta di Gragnano, veramente speciale. Anche nel resto d’italia (e all’estero) trovi questa marca nelle gestronomie. A parigi, poi, è a prezzi proibitivi! Si “viaggia” intorno agli 8 euro al chilo! 🙂

  12. shayma Says:

    love this photo, dear. x shayma

  13. Lucia Says:

    @shylma: many thanks. Did you solve your problem with composing photos?

  14. ....... Says:

    Ah costa poco insomma… ahahahah!
    Si infatti mi è capitato di trovarla a Monza, Bologna..ed altre città… Da me, dove invece potrei trovarla ovunque data la vicinanza dell’azienda, mi ritrovo a vederla negli scaffali di poche gastronomie!
    Continuo a seguire sempre con piacere il tuo blog, continua così.
    Saluti
    Urania

  15. Lucia Says:

    @urania: sìcosta na bazzecola 🙂
    Grazie mille Urania!

  16. vincenzo Says:

    volevo sapere dove si puo’ trovare a Bologna la pasta Setaro.Grazie

  17. Lucia Says:

    @vincenzo: io purtroppo non lo so. Credo che la miglior cosa da darsi è scrivere al sito della setaro! http://www.setaro.it/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: