Fritto misto di cervella, animelle e carciofi

Photo by Lucia Pantaleoni

La cervella si trovava  in una capiente ciotola immersa fin dal mattino in una soluzione di acqua e aceto.
 E’ con un sottile piacere che ogni tanto lanciavo occhiate in quella direzione e vedevo l’acqua divenire di un colore rosa-rossastro. (Capivo infine che avevo più di qualcosa in comune con Hannibal Lecter e che insomma, il mio non era mai stato solo un coup de foudre…)
La cervella di vitello è un piatto che vedevo mangiare in casa 30 anni fa. Suscitava in me sempre una grande curiosità, fino al giorno in cui ne ho assaggiato un bocconcino e lì…mi si è aperto un mondo. 
Resta pero’ un mistero perché io mi sia decisa solo qualche giorno fa a farne una frittura con animelle e carciofi.
Qualcuno di recente mi ha chiesto che sapore abbiano le animelle (che è il timo del vitello).
La risposta che mi è venuta spontanea è:
“Un sapore indefinibile. Un misto tra la consistenza di un angelo e la materia dei sogni”.
(Sì, lo so, sono andata, inutile ormai negarlo…)
La pastella rende questa frittura un piatto aereo ed i carciofi vagamente amarotici, constrastano egregiamente la sensazione di pieno/dolce/grassetto, delle frattaglie.
Si mangia ancora bello caldo, mi raccomando.

Fritto misto di cervella, animelle e carciofi

200 g di animelle

400 g di cervella

1 kg di carciofi

Per la pastella:

2 uova

100 g di farina

80 g di latte

Abbondante olio bollente

.

Immergete in acqua fredda aromatizzata con uno spicchio d’aglio ed una foglia di alloro le animelle e la cervella. Quando bolle, contate 3 minuti, poi togliete la pelle dalle frattaglie.
Pulite i carciofi conservando solo la parte più tenera e tagliateli a fettini sottili.
Mescolate la  farina con le uova intere. Unite il latte, un po’ di sale e una macinata di pepe.
Tuffate in abbondante olio bollente le animelle a fettine e  la cervella a pezzetti. A parte friggete i carciofi.
Servite subito.

9 Risposte to “Fritto misto di cervella, animelle e carciofi”

  1. Marilì di GustoShop Says:

    Ho un debole per il quinto quarto, in cui rientrano anche quella meraviglia che sono le animelle (ma perchè tutti storcono il naso quando ne parli, secondo me non le hanno assaggiate mai !) e il cervello (da piccola ne mangiavo a quintali).
    Mi ha fatto venir voglia, che ora è un secolo che non mi capita di farle. Be’ anche a questo servono i blog no ? A farti venir su antichi desideri… un bacione Lucia

  2. Lucia Says:

    @Marili: beh mi hai fatto un complimento bellissimo. Se quanto scrivo risveglia antichi desideri…!🙂

  3. Marco Says:

    ciao, colgo l’occasione per invitarti a partecipare al mio primo contest di ricette di primi piatti dal titolo “SAPORI E COLORI DEL MEDITERRANEO”(http://primopiattoquasifatto.blogspot.com/2011/03/sapori-e-colori-del-mediterraneoil-mio.html)

  4. Artèteca Says:

    Una sola volta, in un ristorante super-blasonato di cucina classica romana, ho vinto la ritrosia per il quinto quarto e ho un piacevolissimo ricordo; in generale però non ce la posso fare.
    Complimenti per la ricetta che terrò nei preferiti se mi decidessi a ri-assaggiarli ;o)
    Fabrizio

  5. Lucia Says:

    @Arètca, grazie! Il quinto quarto invece, per quanto mi riguarda, è uno degli amori della vita mia

  6. chechi Says:

    mi sembra una bombona ipercalorica ma riconosco che l’aspetto è divino!

  7. Financiers, Dolcetti alla farina di mandorla … e Bach « radicchiodiparigi Says:

    […] siano esse italiani o francesi, del resto. Allora vi dò un’immagine, come ho fatto con la frittura di animelle e carciofi così forse mi spiegherò meglio: assaporare queste delizie è come guardare […]

  8. kirios omega Says:

    Provate a mangiare il timo semplicemente cuocendolo su una graticola posta su fiamma di carbonella. Mentre cuoce spruzzatelo di sale q.b. e mangiatelo caldo. Se preferite irroratelo con limone e olio. Se siete tra i fortunati, cuocetelo insieme con testicoli di bue affettati e mangiateli insieme come sopra.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: